Ebbene si… Il fatidico giorno che tutti i bambini, le coppiette felici e i nonni attendo è alle porte.
Ed io? Beh, non è certo una novità, a me il Natale piaceva davvero un botto finché ero piccina e l’atmosfera mi faceva sperare in qualcosa di meraviglioso. Ho resistito fino agli anni del liceo e forse anche il primo anno di università; ma adesso non ne posso più!
Adoro avere un pensiero dolce per gli altri, ma non condivido la convenzione per cui darei obbligata a pensarci a Natale. In questo caso, e soprattutto negli ultimi due anni, ho capito che ciò che davvero conta non è l’oste tare del finto buonismo, ma dare sempre il massimo ogni giorno dell’anno, senza tirarsi indietro mai.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/d5f/16118370/files/2014/12/img_8205.jpg

Io, per essere più in linea con la mia idea, ho preferito creare qualcosa col cuore, sperando sia gradita…
Per non di meno, questo è il periodo dell’anno più controverso che mai, perché si è felici per i regali (anche se il Natale avrebbe tutt’altro che tale significato, ma sarebbe lunga), ma contemporaneamente si ha malinconia per l’anno che volge al termine.
Ancora non so se questo 2014 mi sia piaciuto, ne’ so se sperare che il 2015 sia migliore o uguale.
La morale, se c’è, qual è?
Nessuna. Solo che vorrei vedere meno apparire e più essere, vorrei che le persone avessero lo spirito di unione e salvaguardia che adesso non esiste, vorrei serenità e pace, ma non solo per me ed i miei piccoli problemi quotidiani, ma per tutti.
Se fosse possibile bandirei la tristezza, la malinconia e la solitudine di questi anni, ma pare che l’avanzata dei tempi non faccia altro che aumentare ciò che è uscito dal vaso di Pandora…
Chissà, magari, presto o tardi, la speranza uscirà fuori anche lei a portare una ventata di aria fresca…

Ciao 2014!

Annunci